Configurazione del sistema di fatturazione

In questa sezione viene siegato come inserire alcuni dati per il corretto funzionamento della fatturazione, al momentoo si fa riferimento alla sola Fatturazione Elettronica.

Prima di iniziare ad utilizzare il sistema di fatturazione elettronica bisogna inserire alcuni dati per il corretto funzionamento del sistema, questa configurazione avverrà anche in tempi diversi e riguarda il form Dati Azienda, il form Dati CLiente e il form Dati Fornitori.

Dati Azienda

apriamo il form Dati Azienda cliccando sul relativo pulsante nel menù Utilità

Nel form che si aprirà selezionate il tabulatore in alto a destra Fatturazione Elettronica per accedere alla sezione.

Qui avremo 2 sezioni

Dati Azienda, inserite il codice univoco che nel caso usiate la modalità manuale sarà 0000000 (sette volte zero) per chi utilizzerà la modalità automatica dovrà inserire il codice univoco che ha ricevuto alla acettazione del contratto.

Dati Terzo Intermediario questa sezione sarà visibile solo a chi avrà richiesto la modalità automatica, in questa sezione andranno inseriti i dati forniti alla accettazione del contratto.

Quando avete finito tornate nel tabulatore Azienda cliccate su salva e uscita.

CLienti e Fornitori

Per modificare i dati Cliente o Fornitore, operazione che potete eseguire in qualsiasi momento, solo ricordatevi che se non inseriti i dati corretti non potrete generare la fattura elettronica.

Andate nel menù Ricerche e cliccate sul pulsante Clienti o Fornitori a seconda di quale catgoria volete modificare:

Dati Cliente

Cliccando su clienti accederete alla ricerca cliente, inserite i dati per la ricerca, ad esempio la Ragione Sociale o anche parte di essa e cliccate su Ricerca, la tabella sottostante si popolerà di righe che contengo la chiave di ricerca, nell’esempio ho scritto Dante Alighieri s.r.l. e mi ha trovato solo una riga, se avessi scritto solo dante, anche minuscolo mi avrebbe trovato tutti i clienti che contenevano la parola dante o Dante o DANTE, la ricerca non tiene conto di maiuscole o minuscole.

Assicuratevi di selezionare la riga del cliente desiderato e cliccate in basso sul pulsante Dettaglio o fate doppio click sulla riga.

Si aprirà il form di modifica del cliente selezionato, dovrete inserire il Codice Univoco e l’Indirizzo Pec che vi ha fornito il vostro cliente.

Il sistema inserisce di default il valore per il codice univoco solo per clienti/fornitori preesistenti, per i nuovi clienti/fornitori isnerite si seguenti dati:

  • 0000000 (sette volte zer0) nel caso il cliente sia Italiano o residente in Italia
  • XXXXXX (sette volte X ) nel caso il cliente non sia Italiano o comunque non residente in Italia

Se il vostro cliente vi ha fornito il suo codice univoco e il suo indirizzo pec inseriteli nei relativi campi

Se il cliente è una pubblica amministrazione il suo codice univoco sarà di 6 cifre, in questo caso inserite il codice univoco nel relativo campo e mettete la spunta nella casella Pub. Ammin, inoltre, se la publica amministrazione opera in modalità split payment (Scissione dei Pagamenti), mettete la spunta nella casella Split Payment.

Cliccate su Salva e uscite

Dati Fornitore

Eseguite la ricerca del fornitore allo stesso modo spiegato per il cliente, nel form in basso trovate il pulsante Dati Contabilità cliccate per aprire il form successivo

Nel form Contabilità inserite il Codice Univoco e l’Indirizzo Pec fornitivi dal fornitore

Cliccate su uscita, nel form precedente cliccate su salva.

La procedura descritta in questo articolo è valida sia per la Fatturazione Manuale che per la Fatturazione Automatizzata.

Inoltre tenete presente che sia il campo CAP che Partita Iva o Codice Fiscale (almeno uno dei due) sono obbligatori sempre, per i fornitori risulta obbligatoria la Partita IVA.

Nel caso non si riuscisse ad ottenere questi dati operate come segue:
per indirizzi esteri:

  • il campo CAP deve contenere 5 volte zero “00000”
  • il campo Partita IVA, per i fornitori, qualora non potete reperirlo, deve contenere 11 volte 9 “99999999999”, sono ammesse le partite iva comunitarie (VAT)
  • Il campo Codice Fiscale, lasciare vuoto
  • Per clienti privati lasciare vuoto sia il campo Partita IVA che Codice Fiscale, in questo caso il sistema genererà un identificativo fiscale utilizzando il campo Ragione Sociale eventualmente troncato a 28 caratteri senza spazi

per indirizzi italiani

  • il campo CAP deve essere quello corretto della città utilizzata in indirizzo
  • per i fornitori o clienti B2B la Partita Iva è obbligatoria
  • per i clienti occasionali, di cui non avete la possibilità di reperire i dati, chiedete al vostro commercialista quale possa essere la soluzione migliore, la domiciliazione delle fatture al cliente presso l’agenzia è possibile utilizzarla solo in casi particolari e solo per fatture 74ter, ma rimane  comunque obbligatorio o la Partita Iva o il Codice Fiscale del cliente.

 

Chiudi il menu

In questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.